BIO

Ho compiuto studi umanistici al Liceo Classico di Pordenone e all’età di 16 anni mi sono avvicinato alla Fotografia; ho iniziato a fotografare le forme della natura e i segni lasciati dall’uomo con una “Zenit E” nel 1976 affascinato da Ernst Haas.
Nel 1986 mi sono laureato in Architettura a Venezia e, con la specializzazione in Restauro dei Monumenti, ho continuato a collaborare con l’ambiente universitario fino al 1995. Nel 1984, come tanti allo IUAV, sono stato allievo di Italo Zannier.
Dopo il 1995 ho iniziato a insegnare Storia dell’Arte nei Licei e contemporaneamente ha continuato a utilizzare la macchina fotografica come strumento di documentazione e di conoscenza del paesaggio e dell’architettura storica italiana.
Dal 2005 ho iniziato a lavorare come fotogiornalista, iscritto all’Ordine dei Giornalisti.
Attualmente, oltre a continuare l’insegnamento della Storia dell’Arte, collaboro come fotogiornalista con agenzie di stampa e con alcuni quotidiani nazionali, con foto di cronaca e di sport.
Le ricerche personali esplorano i generi del paesaggio, inteso in senso letterario, e dell’architettura; il ritorno alle tecniche di ripresa e di stampa analogiche ha indirizzato l’interesse per i linguaggi propri del Ritratto e del Nudo, senza la presunzione di innovare questi generi, anzi permettendo di indagarne i margini ancora percorribili all’interno della rappresentazione tradizionale anche in rapporto con l’Arte classica.

MOSTRE

Non ho mai avuto particolari ambizioni di esporre le mie foto: nel fotogiornalismo le foto sono pubblicate, e basta. Da quando ho cominciato a dedicarmi anche a dei “progetti fotografici personali” ho considerato le mie foto come dei momenti di passaggio, di ricerca, perciò non le ho mai viste come un prodotto finale da esporre.
Ma qualche nuovo amico ha notato le mie ricerche e le ha considerate meritevoli di essere divulgate; confesso che non avevo considerato questo aspetto che rappresenta, per me, un grande stimolo a proseguire.

2012 ATAP, sala conferenze
Dal 05/12/12 al 25/01/13
FOTODINAMISMI
Tributo ai Fratelli Bragaglia nel Centenario della Fotografia Futurista
2018 Motta di Livenza
Dal 5 al 27 maggio
NUDI MUTI VEDERE OLTRE
XXII Simposio fotografico